Archivi tag: divinazione

Tarocchi pratica e stesure – Connessione con lo Spirito Guida

Quando mi assale un dubbio o quando sento la necessita di fare chiarezza la prima cosa che faccio è sedermi, accendere una candela, rilassarmi e iniziare ad estrarre dal sacchettino le mie fidate rune!Le ho sempre utilizzate, le adoro e sono parte integrante della mia pratica! Se sento la parola “divinazione” la prima cosa a cui penso sono le rune. Ma, nonostante ciò, ho sempre desiderato imparare a leggere i tarocchi. Ho provato più volte durante il mio percorso a cercare di abituarmi ad un tipo di lettura diversa ma gira e rigira i poveretti finiscono sempre abbandonati in un cassetto… Da un paio di settimane li ho tirati fuori, e sto cercando di spronarmi a mettere maggior impegno!  Per fare pratica e per riuscire in quest’impresa, ho deciso che ogni settimana realizzerò un tipo di stesura diversa, su argomenti diversi. E per assicurarmi di mantenere il mio obbiettivo, condividerò sia qui nel blog che nella pagina fb i metodi di stesura che eseguirò di settimana in settimana. Così, oltre che per me, magari si rivela utile anche per qualcun altro/a.

Eccovi la prima… per vedere meglio l’immagine cliccateci sopra.

Annunci

Sogni: denti & parenti

tumblr_nrrahwa9tt1ub5oh7o1_500Ieri parlando con una collega è venuto fuori il discorso dell’interpretazione dei sogni e in particolare di quanto non sia gradevole sognare di perdere i denti. Oltre, ovviamente, al fattore emotivo-estetico anche secondo le credenze popolari, diciamo che, non è esattamente di buon auspicio. Non per nulla dalle mie parti, senza troppi mezzi termini si dice “se nel sogno perdi un dente muore un parente”. Inoltre sempre secondo le credenze popolari a seconda del dente si può stabilire di che tipo di parente si tratti, ad esempio se nel sogno a cadere è un incisivo si tratta della perdita di parenti giovani o prossimi, se è un premolare si tratta di parenti di mezz’età mentre se è un molare si tratta della perdita imminente di parenti anziani o lontani. Tornata a casa ho voluto approfondire l’argomento e adesso eccomi a condividere con voi le mie ricerche. Ho scoperto che è un sogno molto diffuso tanto che Freud lo incluse nei sogni tipici, ovvero quelli che prima o poi tutti facciamo. La voce popolare che sostiene che i sogni di denti riguardano i propri parenti ha origini molto antiche e risale addirittura ad Artemidoro di Daldi, il primo autore ad aver scritto un libro sull’interpretazione dei sogni. Ma ovviamente, come ben sappiamo ci sono sogni e sogni e quindi non sempre è presagio di dipartita di poveri parenti… c’è chi sogna che cadono tutti i denti, oppure solo qualche molare, oppure gli incisivi, c’è chi invece sogna che i denti cadono e vengono raccolti nel palmo della mano; chi invece sogna di averli traballanti;  altri invece, si ritrovano frammenti di denti in bocca, che poi vengono sputati uno ad uno;  qualcuno poi sogna di avere tutti i denti lenti e di toglierli uno ad uno con le mani. Quindi, come in ogni altra esperienza onirica, al risveglio cerchiamo di ricordare i particolari, sono quelli che spesso fanno la differenza e che ci aiutano nell’interpretazione. Al di là delle interpretazioni tradizionali, in senso psicologico i denti nei sogni possono avere una grande varietà di significati. Ecco i più importanti:

  • Castrazione: perdere i denti può essere un’immagine di castrazione, cioè di privazione di potere. La castrazione può riguardare l’ambito professionale, affettivo o sessuale; così come avviene quando sogniamo di perdere i capelli, anche sognare di perdere i denti può indicare che temiamo la perdita di potere, di autorità, di potenza sessuale, di capacità di sedurre. Può anche far riferimento ad una perdita di energia vitale, indebolimento, invecchiamento, malattia.
  • Vulnerabilità imbarazzo:  facciata, apparenza, prima impressione: si dice, infatti, che il sorriso è il nostro biglietto da visita. In particolare, gli incisivi (i denti davanti) sono molto importanti per il nostro aspetto; sono quelli che curiamo di più perché sono sempre in vista. Può rappresentare la paura di ‘perdere la faccia’, di essere deriso. I denti nei sogni rappresentano la nostra facciata sociale.
  • Indebolimento a livello caratteriale, ovvero privazione dei tratti più aggressivi, tenaci e vitali del nostro carattere. I denti, l’azione di mordere, sono infatti un simbolo di atteggiamento aggressivo, tenace e deciso nei confronti della vita.
  • Comunicazione: spesso un danno ai denti nei sogni rappresenta un problema di comunicazione. Non stai esprimendo apertamente le tue idee, forse c’è qualcosa che ti inibisce.
  • Sognare di perdere tutti i denti: Pensando al fatto che nell’infanzia ad un certo punto si perdono i denti da latte perché possa spuntare la dentatura fissa, sognare di perdere i tutti i denti potrebbe indicare che ci si sta preparando a fare un grosso cambiamento, a passare ad una nuova fase della vita in cui è richiesta maggiore forza e maturità (ad esempio: matrimonio, trasferimento, lavoro nuovo, nuova casa, o anche gravidanza, menopausa, ecc.). Oppure, al contrario, perdere i denti potrebbe anche indicare che si desidera regredire verso la propria infanzia, ritornare al periodo in cui venivi allattato al seno e non avevi responsabilità e decisioni da prendere.
  • Sognare di avere denti traballanti e che si staccano: Quando sogni di controllare i tuoi denti e senti che dondolano, significa che sei insicuro, non hai fermezza d’animo; denti dondolanti, che ballano, possono indicare anche mancanza di energia, stanchezza.Se sogni che il dente è poco saldo e dondola, ciò può rappresentare un tuo punto debole, una tua vulnerabilità. Se nel sogno cade un dente, magari in mano, o per terra, e poi  lo si rimette a posto dentro la bocca, ciò significa che sei in imbarazzo, ti vergogni, manchi di autostima, hai paura di essere scoperto dagli altri.
  • Un’altra variante di questi sogni è sognare di avere i denti che si sgretolano: non appena li tocchi, senti che i denti si rompono, si frantumano, si sbriciolano tra le tue dita come se fossero estremamente fragili o vuoti; denti rotti, a pezzi, o anche scheggiati o lesionati indicano che hai detto qualcosa di inopportuno, qualcosa che ha ferito gli altri, o che hai parlato troppo, hai fatto maldicenze, ecc. Può, in alternativa, significare che ti senti fragile e vulnerabile.
  • Sognare qualcuno senza denti: può indicare preoccupazione per la sua salute, o che ci sono problemi di comunicazione tra di voi.

Per quanto mi riguarda ho sognato più volte di perdere i denti e ho potuto appurare che ogni volta ci sono andati di mezzo i parenti… Una volta ho sognato di perdere un molare e dopo poco tempo è morta una lontana e anziana parente. Altre volte, invece hanno presagito non la morte fisica ma bensì la “perdita” – la fine – di una relazione importante con un parente.

Sognare di avere denti belli, sani, forti è sicuramente un buon segno. I denti sono importanti sia per la loro funzione masticatoria, sia per quella sociale. Tutti ambiscono ad avere una bella dentatura, sia per la salute che per l’estetica. Quindi sognare di avere denti bianchi, splendenti, perfetti, curati, sani, forti è indice di equilibrio, fiducia in sé stessi, forza di carattere, sicurezza, autostima, franchezza.


Biague: Divinazione con il cocco

ejife_coconut_optCocco bellooooo cocco frescooooo … ok, nostalgia d’estate a parte, oggi navigando sul web ho scoperto questo sistema divinatorio di cui non avevo mai sentito parlare il Biague o Oracolo Obi! Si tratta di un sistema utilizzato nella Santeria, viene impiegato principalmente per ricevere risposte affermative o negative. Viene interrogato per chiedere agli Dei (Orishas) se hanno gradito un’offerta, se un determinato rituale è andato a buon fine o se sono stati commessi degli errori ecc… Il cocco, infatti, è un elemento fondamentale nella Regla de Ocha. Non esiste cerimonia che si possa iniziare senza il cocco, senza l’offerta di questo frutto. E si utilizza anche al termine di ogni funzione, per verificare se è stata condotta correttamente, o se sono necessarie delle modifiche. Ma non solo, l’oracolo Obi può rivelare una miriade di risposte in ogni ambito della nostra vita. Il cocco si può consultare giornalmente, ma non bisogna chiedergli sempre le stesse cose, non è rispettoso. Inoltre vanno evitate anche le domande stupide, gli Orisha le recepiscono come un insulto. Le domande devono essere precise. Le risposte, come accennavo, possono essere: sì; no; è possibile; no, prova ancora, rinuncia e vai da un babalawo (Padre dei segreti, stregone della religione Yoruba) che ti spieghi cosa ti sta accadendo.

Nel Biague, vengono lanciati a terra quattro pezzi di cocco e a seconda della posizione che essi prendono sul pavimento – con la parte del guscio (carmelita) o della polpa bianca in alto – si determinano i responsi o letras.
I responsi o sistemi possono essere 5, 9 , 16, o più ma, andiamo per gradi, quello che segue è il sistema a 5 responsi. Ovviamente, come per qualsiasi metodo divinatorio, le risposte sono limitate o ampliate a seconda dalla vostra capacità di interpretazione dei sottili accenni e indizi che l’oracolo vi offre.

1- Alafia: – Bianca – Bianca – Bianca – Bianca.
La prima posizione, con tutti i pezzi di cocco con la parte bianca verso l’alto, è chiamata Alafia. In essa parlano Changó e Orula. Essa è affermativa, un segnale di buon auspicio;

2- Otawo (Otagüe, Itagua o Etawe): – Bianca – Bianca – Bianca – Nera.
La seconda posizione, con tre pezzi bianchi e una carmelita, è chiamata Otawo (Otagüe, Itagua o Etawe). Parlano Oggún, Yemayá, Changó e Ochosi. È il dubbio ma il responso può diventare affermativo se gettando di nuovo i pezzi di cocco viene confermata la stessa letra.

3- Ellifé: – Bianca – Bianca – Nera – Nera.
La terza posizione, due pezzi bianchi e due carmelitas, è chiamata Ellifé (Eyeife). È una risposta affermativa;

4- Ocana: – Bianca – Nera – Nera – Nera.
La quarta posizione, un solo pezzo bianco e tre carmelitas, è chiamato Ocana (Ocana Sodde). Parlano gli Ikús, Oyá Yansá, Elegguá, Yewá, Babalú Ayé, Changó e Aggayú Solá. È una risposta negativa;

5- Oyékun o Yéku yéku:  – Nera – Nera – Nera – Nera.
La quinta posizione, quattro pezzi con il guscio in alto, si chiama Oyékun (Oyecún, Yéku yéku). Parlano Changó e Oyá Yansá. È il fallimento, un cattivo presagio. È consigliata in questo caso la visita ad un babalawo.

2420

Biague per il sistema a 9 o più responsi. Realizzato utilizzando il legno di cocco e sostituendo la parte bianca interna con conchiglie ciprea, poste due dritte e due rovesciate.

Mi affascina molto il sistema a 9 o 16 responsi, ma non sono riuscita a trovare molto a riguardo… Se qualcuno di voi ne sa qualcosa faccia un fischio!!


Monete e magia

500_Lire_3_caravelle_1966_retro

Nel folklore le monete come oggetti magici sono onnipresenti, e utilizzate per molteplici scopi. Basti pensare ai penny fortunati, al luogo comune di lanciare una moneta in aria per decidere l’esito di una determinata situazione, o al lancio di una monetina in un pozzo o in una fontana per propiziarsi la fortuna. L’usanza di mettere nelle fondazioni di una casa nuova, monete e qualcosa d’oro, per augurare prosperità alla famiglia che vi abiterà. E ancora sono di felice augurio i soldi bucati e le monete coniate negli anni bisestili.
Oltre all’infinità di metodi per propiziare la fortuna, le entrate di denaro e ai tantissimi incantesimi porta-guadagno, le monete venivano e vengono usate per scoprire se si è sotto attacco magico, per rivelare se c’è il malocchio… il metodo più semplice era quello di perforare una monetina e legarla con un filo rosso intorno alla caviglia; se la moneta diventava nera si era sotto attacco. Nel libro Black Magic: Religion & the African-American Conjuring Tradition di Yvonne P. Chireau menziona, oltre al sopracitato uso della monetina, diversi altri metodi per scoprire se oggetti o persone fossero sotto influssi negativi o sotto attacchi magici. Un altro metodo era quello di far bollire una monetina insieme agli elementi sospettati di essere una fattura. Oppure mettere una moneta sotto la lingua della persona che pensa di essere sotto un maleficio.
Le monete possono essere utilizzate anche come offerta per gli spiriti. Secondo alcuni la terra del cimitero dovrebbe essere prelevata lasciando in cambio 3 monete e un po di whisky o rum.
Le monete d’argento sono sicuramente le più pregiate e le più potenti. Sono molto utilizzate nella magia lunare e negli incantesimi di guarigione.
Un’altro interessante impiego delle monete ha a che fare con la cura delle verruche. Secondo quest’usanza, infatti, strofinando la verruca su una moneta quest’ultima guariva (oppure se la verruca era molto grossa era necessario fasciarla con sopra la moneta per un tot di giorni). Ovviamente questo procedimento non poteva essere effettuato da chiunque ma bisognava rivolgersi ad un guaritore. Questo tipo di cura è descritto anche nel libro di Gerald C. Milne “Signs, cures, and Witchery: German Appalachian Folklore” insieme ad altre cure per le verruche utilizzate dai guaritori degli Appalachi.

Sono tantissime le tradizioni magiche e folkloristiche legate alle monete. Se ne conoscete altre, non esitate a condividerle!

Fonti:
Web, New World Witchery.